Cause della depressione post partum

CAUSE DELLA DEPRESSIONE POST PARTUM


L’eziologia del PPD non è ben chiara. A volte si presume che la depressione post-partum sia causata da una mancanza di vitamine; altri studi mostrano che le cause più probabili sono i cambiamenti significativi degli ormoni di una donna durante la gravidanza. Tuttavia, altri studi hanno suggerito che non ci sia una correlazione tra gli ormoni e i disturbi dell’umore dopo il parto, e il trattamento ormonale non ha aiutato le vittime della depressione dopo il parto. Inoltre, i padri, che non sono sottoposti a profondi cambiamenti ormonali, soffrono di PPD a tassi relativamente alti. Tutte le madri sperimentano questi cambiamenti ormonali, ma solo il 10-30% soffre PPD, ciò non significa, tuttavia, che gli ormoni non abbiano un ruolo nel PPD. Ad esempio, nelle donne con una storia di PPD, un trattamento ormonale che simula la gravidanza e il parto ha causato a queste donne dei disturbi dell’umore. Lo stesso trattamento, tuttavia, non ha causato disturbi dell’umore nelle donne con nessuna storia di PPD. Una interpretazione di questi risultati è che ci sia un sottogruppo di donne che sono vulnerabili ai cambiamenti ormonali durante la gravidanza. Un’altra interpretazione è che la simulazione di una gravidanza attiverà PPD nelle donne che sono vulnerabili al PPD per uno dei motivi indicati da Beck.
Spesso la causa di PPD, sono i profondi cambiamenti nelle abitudini indotte dalla cura per il bambino, ma, ancora una volta, ci sono poche prove che confermano questa ipotesi. Le madri che hanno avuto molti figli, senza mai sperimentare PPD possono tuttavia soffrirne con il loro ultimo figlio. Inoltre, la maggior parte delle donne sperimentano profondi cambiamenti nelle abitudini con la loro prima gravidanza, ma la maggior parte di esse non soffrono di PPD.
La ricerca suggerisce che la PPD sia una componente funzionale nel processo decisionale della riproduzione umana.
I neonati richiedono un grado straordinario di cure, la mancanza di sostegno e investimenti insufficienti da parte dei padri o altri membri della famiglia aumenterà i costi sostenuti dalle madri. Se le madri non hanno ricevuto un adeguato sostegno da parte dei padri o altri membri della famiglia, non possono essere in grado allevare il bambino, senza danneggiare i bambini che sono nati in precedenza, o danneggiare la propria salute.
Numerosi studi sostengono la correlazione tra depressione post-partum e la mancanza di supporto sociale o di altri fattori di stress per l’infanzia. Le madri con depressione post-partum possono inconsciamente mostrare meno emozioni positive e più emozioni negative verso i loro figli, sono meno sensibili ai segnali infantili, meno emotivamente disponibili, hanno un minor successo nel ruolo materno, e hanno bambini che sono meno saldamente attaccati, e nei casi più estremi, alcune donne possono avere pensieri di far male i loro figli. In altre parole, la maggior parte delle madri con PPD sono meno materne.
In questa prospettiva, le madri con PPD non hanno una malattia mentale, ma non possono comunque permettersi di prendersi cura del neonato senza un maggiore sostegno sociale, più risorse; quindi il trattamento dovrebbe concentrarsi su come aiutare le madri ad ottenere ciò di cui hanno bisogno.
La depressione post-partum può portare le madri a essere incompatibili con il loro ruolo di genitore. Le donne con diagnosi di depressione postpartum spesso si concentrano più sugli eventi negativi di custodia dei figli.

Quattro strategie:

* Negazione, disimpegno comportamentale
* Pianificazione
* Supporto emotivo, supporto strumentale
* Senso di colpa

Fattori di rischio

Mentre le cause del PPD non sono chiare, una serie di fattori sono stati identificati come fattori predittivi di PPD:

* Alimentazione artificiale piuttosto che l’allattamento al seno
* Una storia di depressione
* Fumo
* Bassa autostima
* La depressione prenatale durante la gravidanza
* Ansia prenatale
* Scarso sostegno sociale
* Debole rapporto coniugale
* Basso status socio-economico
* Gravidanza indesiderata

Di questi, tre fattori sembrano essere più incisivi, cioè l’alimentazione artificiale, una storia di depressione, e il fumo di sigaretta.
Questi fattori sono correlati con il PPD. “Correlazione” in questo caso significa che, ad esempio, alti livelli di depressione prenatale sono associati ad alti livelli di depressione postnatale, e bassi livelli di depressione prenatale sono associati a bassi livelli di depressione post-partum. Ma questo non significa che la depressione prenatale sia la causa della depressione post-partum, infatti possono entrambi essere causati da qualche fattore terzo. Al contrario, alcuni fattori, come la mancanza di sostegno sociale, quasi certamente causano la depressione post-partum.

Oltre agli studi di Beck, altri studi accademici hanno mostrato una correlazione tra razza, classe sociale, l’orientamento sessuale e la depressione post-partum. Non sorprende che le donne con meno risorse siano a più alto rischio di depressione post-partum e stress rispetto a quelli con maggiori risorse finanziarie. Le donne con meno risorse hanno anche maggiori probabilità di avere una gravidanza non voluta o indesiderata, aumentando ulteriormente il rischio di PPD. Beck concorda con questo, affermando che queste donne sono a rischio per la PPD perché possono sperimentare stress quali quelli causati dalle difficoltà finanziarie.

Non è ancora stata trovata nessuna causa specifica della depressione post-partum, ma si pensa abbia un ruolo non indifferente lo squilibrio ormonale. I livelli di ormoni estrogeni, progesterone e cortisolo subiscono un drastico calo entro 48 ore dopo il parto, e le donne che sviluppano la depressione post-partum possono essere più sensibili a questi cambiamenti ormonali.
Altri fattori di rischio noti sono:

o malattia mentale, tra cui la depressione post-partum, in famiglia
o disturbo mentale dopo una precedente gravidanza
o perdita del bambino, attraverso un aborto spontaneo o un parto prematuro. Il rischio di depressione maggiore, dopo un aborto spontaneo è più alto per le donne che non hanno figli. Essa si verifica anche in donne che erano scontente di aspettare un bambino.

Il parto è un momento di grande cambiamento per una donna, ed è proprio l’adeguamento a questi cambiamenti che può contribuire alla depressione.
Molti cambiamenti si verificano dopo il parto, compresi i cambiamenti del tono muscolare e la difficoltà a perdere peso. Molte madri si sentono molto stanche dopo il parto e nelle settimane successive, e spesso il dolore nella zona perineale rende molte donne vulnerabili. Il recupero fisico dopo il parto cesareo può richiedere molto più tempo. L’età della madre e il numero di bambini che ha avuto non sono connessi alla probabilità dell’insorgenza della depressione post-partum.
I sintomi possono apparire in qualsiasi momento, già dopo le prime 24 ore dopo il parto,e se ciò avviene, è importante consultare un medico, che provvederà ad una diagnosi adeguata.
Il disturbo si manifesta con:
-stato d’animo triste, pianto frequente;
– mancanza o di piacere o di interesse per le attività che una volta davano piacere

– disturbi del sonno

– perdita di peso
– Perdita di energia
– agitazione o ansia

-sentimenti o di inutilità o senso di colpa
-problemi di concentrazione

-pensieri o di morte o di suicidio
-Diminuzione del desiderio sessuale

-sentimenti di rigetto

I sintomi fisici come mal di testa frequenti, dolore toracico, battito cardiaco rapido, torpore, tremore, vertigini e mancanza di respiro lieve suggeriscono ansia. Il disturbo d’ansia post-partum è un disturbo separato dalla depressione post-partum, ma spesso si verificano insieme.

Quando rivolgersi al medico:
* Quando si hanno sbalzi di umore o ci si sente depresso già a pochi giorni dalla nascita del bambino
* Quando non ci si sente in grado di far fronte alle attività quotidiane della vita, compresa la cura del neonato o degli altri figli
* Quando si provano forti sentimenti di depressione o rabbia 1-2 mesi dopo il parto

Chiamare un vicino, un amico, o una persona cara che si trova nelle vicinanze subito se si verifica uno dei seguenti episodi:

* Incapacità di dormire più di 2 ore per notte
* Si hanno pensieri suicidi
* Si pensa di danneggiare il proprio bambino o altri bambini
* Si sentono delle voci o si hanno allucinazioni

Cause e fattori di rischio

Ancora non sono chiare, le ragioni esatte per cui alcune madri sviluppano la depressione post-partum e altre no; ma si pensa che un certo numero di cause e fattori di rischio correlati contribuiscano al problema.
Le cause della depressione post-partum comprendono:

* I cambiamenti ormonali. Dopo il parto, le donne riscontrano un forte calo dei livelli ormonali di estrogeni e progesterone, così come cambiamenti nei livelli della tiroide, che porta a stanchezza e depressione. Questi cambiamenti ormonali come i cambiamenti della pressione sanguigna, il funzionamento del sistema immunitario e il metabolismo che le nuove mamme sperimentano, possono innescare la depressione post-partum.
* I cambiamenti fisici. Partorire apporta numerosi cambiamenti fisici ed emotivi, è possibile che il dolore fisico del parto o la difficoltà di perdere peso, rendano insicura la neo-mamma sulla tua attrazione fisica e sessuale.
* Stress. Anche lo sforzo di prendersi cura di un neonato può essere una causa del disturbo, le neo mamme infatti sono spesso private ​​del sonno; inoltre, ci si può sentire sopraffatti e ansiosi sulla capacità di prendersi cura correttamente del bambino.
I fattori di rischio per la depressione post-partum

Alcune donne hanno maggiori probabilità di altre, di sviluppare la depressione post-partum. I fattori di rischio comprendono:

* Una precedente storia di depressione
* Una storia di disturbo disforico premestruale
* Le complicazioni mediche per la mamma o per il bambino
* Le difficoltà di relazione
* La mancanza di supporto da parenti o amici

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - Iscritto al 1632 dell'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia. * Le informazioni fornite su questo portale sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio diretto di uno Specialista. PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme