Che cos’è la depressione?

Cos’è la depressione?

Tutti noi, di tanto in tanto, ci sentiamo tristi o malinconici, ciò solitamente passa nel giro di pochi giorni.
Quando un soggetto ha un disturbo che provoca dolore e interferisce con le attività quotidiane, provocando sofferenza anche nelle persone che ci circondano, si parla di depressione.
La depressione è una malattia comune ma grave; la maggior parte dei soggetti che ne soffrono hanno bisogno di cure valide per migliorare.
Molti soggetti affetti da depressione non cercano il trattamento, tuttavia, la stragrande maggioranza, anche i soggetti affetti da depressione più grave, possono trovare il miglioramento con il trattamento.
Un’intensa attività di ricerca sulla depressione ha portato allo sviluppo di farmaci, psicoterapie e altri metodi di trattamento per i soggetti con disturbo depressivo maggiore.

Tipi di depressione

Ci sono diversi tipi di depressione, i più comuni sono il disturbo depressivo maggiore e la distimia . Il disturbo depressivo maggiore è caratterizzato da una combinazione di sintomi che interferiscono con la capacità di lavorare, dormire, studiare, mangiare e godere di attività che una volta erano piacevoli; il disturbo depressivo maggiore è la disabilitazione e impedisce ad un soggetto di vivere normalmente.
La distimia è caratterizzata da sintomi di depressione a lungo termine (2 anni o più), ma meno intensi, che pur non provocando la disattivazione può impedire al soggetto di condurre una vita normale o di sentirsi bene.

Altri tipi di depressione

Alcuni tipi di depressione presentano caratteristiche leggermente diverse da quelle già descritte, caratteristiche che si possono sviluppare in particolari circostanze.
Tuttavia, non tutti gli studiosi sono d’accordo su come caratterizzare e definire questi tipi di depressione, che includono: la depressione psicotica, che si verifica quando una malattia depressiva grave è accompagnata da una qualche forma di psicosi , come ad esempio il distacco dalla realtà, le allucinazioni e i deliri; la depressione post-partum , che viene diagnosticata quando una neo-madre sviluppa un episodio di disturbo depressivo maggiore entro un mese dopo il parto (si stima che il 10-15% delle donne hanno esperienza di depressione post-partum dopo il parto); disturbo affettivo stagionale, che è caratterizzato dall’esordio della malattia depressiva durante l’inverno, quando c’è meno luce naturale; questo tipo di depressione di solito scompare in primavera o in estate.
Il disturbo affettivo stagionale può essere trattato efficacemente con la terapia della luce, ma quasi la metà dei pazienti non riesce a rispondere al trattamento; l’uso di antidepressivi e la psicoterapia riducono i sintomi del disturbo affettivo stagionale.
Il disordine bipolare , chiamato anche malattia maniaco-depressiva, non è così comune come la distimia e il disturbo depressivo maggiore; esso è caratterizzato da sbalzi d’umore ciclici che vanno dalla mania alla depressione.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme