Cura della depressione | Come curare la depressione

Cura della depressione | Come curare la depressione

La psicoterapia – o “terapia della parola” – è un trattamento efficace per la depressione clinica. Di per sé, la psicoterapia non può essere sufficiente per risolvere una grave depressione, ma può svolgere un ruolo importante quando viene utilizzata con altri trattamenti, compresi i farmaci.

Che cosa può fare la psicoterapia con la depressione clinica?

Il ruolo della psicoterapia nel trattamento della depressione clinica è quello di aiutare la persona a sviluppare buone strategie cognitive per affrontare i fattori di stress di ogni giorno..

Molti studi sostengono l’idea che la psicoterapia può essere un trattamento efficace per la depressione, alcuni studiosi, hanno anche scoperto che la combinazione di medicina e psicoterapia può essere particolarmente efficace.

Anche se ci sono pochi studi di terapia per la depressione resistente al trattamento specifico, molti esperti ancora lo consigliano. Uno studio del 2007 ha rilevato che per le persone che non hanno risposto ad un trattamento farmacologico specifico, la terapia cognitivo-comportamentale ha lavorato bene anche nel ridurre i sintomi. Di per sé, la terapia potrebbe funzionare più lentamente rispetto ai farmaci, ma causa anche un maggior numero di reazioni positive.

Quali sono i vantaggi della psicoterapia per la depressione?

Ci sono una serie di vantaggi che si possono ottenere utilizzando la psicoterapia nel trattamento della depressione clinica:

* Può aiutare a ridurre lo stress nella vita quotidiana.

* Si può dare una nuova prospettiva sui problemi con la famiglia, gli amici, o colleghi di lavoro.

* Si può usare per imparare a fronteggiare gli effetti collaterali da farmaci antidepressivi.

* Si impara a parlare con altre persone della condizione che si vive.

* Aiuta a cogliere i primi segnali che dimostrano che la depressione sta peggiorando.

Quali sono i diversi tipi di psicoterapia?

Ci sono molti diversi tipi di psicoterapia. Ecco alcuni dei più comuni.

La terapia cognitiva, la terapia comportamentale e la terapia cognitivo-comportamentale si concentrano su come eliminare i pensieri e comportamenti negativi che contribuiscono alla depressione. Il vostro terapista vi aiuterà a imparare nuovi modi di reagire a situazioni e a sfidare i preconcetti. Il terapeuta può anche consigliare di tenere un diario o l’applicazione di tecniche di rilassamento in situazioni particolari.

La psicoterapia per la depressione

Nel trattamento della depressione, la psicoterapia è spesso la prima forma di trattamento che viene raccomandata. La psicoterapia consta in realtà di una serie di tecniche impiegate per il trattamento di specifici problemi e disturbi mentali. La psicoterapia è una delle terapie tradizionali, in cui un paziente parla con un professionista qualificato in psicoterapia per comprendere meglio i fattori che stanno causando la depressione e poi trovare il modo di lavorare su di essa.

Ci sono fattori psicologici e psicosociali che contribuiscono alla depressione. La depressione può essere presente in alcune persone a causa di una storia familiare difficile o può essere causata da squilibri chimici nel cervello. I fattori che possono innescare la depressione si combinano con questi squilibri e quindi devono essere curati nel trattamento della depressione con la psicoterapia.

Come la psicoterapia aiuta chi soffre di depressione

La psicoterapia lavora sulla depressione, come sofferenza individuale, comprendendo che cosa è che contribuisce ad alimentare il problema. I fattori di depressione sono tipicamente presenti nella persona attraverso comportamenti, emozioni e idee. La psicoterapia identifica anche i problemi e gli eventi che contribuiscono alla depressione: una malattia, un lutto, ecc… Attraverso la comprensione degli aspetti di questi problemi, lo psicoterapeuta può aiutare un paziente a trovare il modo di risolverli o apportare dei miglioramenti. La psicoterapia può anche insegnare varie tecniche di rilassamento quando il paziente è solo o in situazioni sociali che sono difficili.

La psicoterapia può essere somministrata in una varietà di formati, tra cui sessioni individuali, terapia di gruppo, terapia familiare o terapia di coppia. All’interno di questi formati ci sono anche diversi approcci che un professionista può utilizzare. La terapia psicodinamica opera partendo dal presupposto che il paziente è depresso a causa di problemi irrisolti che sono tipicamente derivanti dall’infanzia. Gli obiettivi della terapia interpersonale sono migliorare il comportamento e l’interazione con la famiglia e gli amici, aiutando il paziente depresso a migliorare la comunicazione e l’autostima, in modo che lo psicoterapeuta possa lavorare sulla depressione che deriva da un lutto, da problemi di relazione, eventi di vita sociale o di isolamento sociale.

La terapia cognitiva del comportamento aiuta a curare la depressione attraverso l’individuazione e alterando la percezione individuale di se stessi e il mondo che ci circonda. La terapia cognitivo-comportamentale è raccomandata per le persone che pensano e si comportano in modo negativo tanto da far scaturire la depressione; è ‘anche raccomandata per le persone che soffrono di un tipo di depressione che causa problemi interpersonali, sofferenza e disabilità.

La psicoterapia funziona meglio quando il paziente frequenta tutti gli appuntamenti. L’efficacia della psicoterapia dipende dalla partecipazione del paziente e questo richiede tempo, impegno e sessioni regolari. Gli obiettivi devono essere stabiliti fin dall’inizio e pertanto regolarmente verificati. Quando si comincia una psicoterapia, è importante identificare ciò che provoca stress, perchè questo è ciò che può innescare la depressione, per questo lo psicoterapeuta consiglia di tenere un diario per annotare eventi stressanti, oltre a quelli positivi. La comunicazione è un fattore chiave per superare la depressione in modo da trovare qualcuno che sia degno di fiducia per poter esprimere i propri sentimenti. E’ utile concentrarsi sui risultati positivi che la psicoterapia può portare, trovare il tempo per le attività piacevoli e trovare metodi che contribuiranno alla buona gestione dello stress.

La cura della depressione con la psicoterapia

La psicoterapia – o “terapia della parola” – è un trattamento efficace per la depressione clinica. Di per sé, la psicoterapia non può essere sufficiente per risolvere una grave depressione, ma può svolgere un ruolo importante quando viene utilizzata con altri trattamenti, compresi i farmaci.
Il terapeuta può insegnare a capire meglio la depressione e aiutare a capire la diagnosi. Si può discutere di nuove strategie per gestire lo stress e per evitare che la depressione subisca un peggioramento. Un terapeuta può aiutare a risolvere i problemi a casa o al lavoro, e incoraggia a mantenere sane le connessioni con la famiglia e gli amici. Il terapeuta può anche aiutare ad adottare buone abitudini.

Come trovare un buon terapeuta

Se si vuole trovare un terapista qualificato – di solito uno psichiatra, psicologo, assistente sociale, infermiere psichiatrico, o se possibile, trovare qualcuno che abbia esperienza con la depressione, chiedete al vostro medico oppure fate una ricerca appropriata.

Qual è la terapia di mantenimento

Mentre alcune persone hanno solo bisogno di una terapia per brevi periodi di tempo, le persone con depressione resistente al trattamento potrebbero averne bisogno più a lungo, questa si chiama terapia di mantenimento. Gli studi dimostrano che la terapia di mantenimento riduce il rischio di ricaduta. Se si soffre di depressione resistente al trattamento, la prima sessione di psicoterapia potrebbe essere stata inefficace. Ci sono alcune cose da considerare prima di riprovare.

• Pensare alle ragioni per cui non piaceva la terapia. Perché non ha funzionato?
• Decidere cosa si vuole dalla terapia. Volete affrontare problemi specifici?

Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione

Obiettivi
La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può aiutare a cambiare il modo di pensare (‘cognitiva’) e quello che si fa (‘comportamento’). Questi cambiamenti possono aiutare a sentirsi meglio, a differenza di altri trattamenti, ci si concentra sul ‘qui e ora’, invece di concentrarsi sulle cause dell’ ansia o sui sintomi del passato, si cercano nuovi modi per migliorare ora il proprio stato d’animo.
La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione ha dimostrato di essere efficace per diversi tipi di problemi. Questi includono: ansia, depressione, panico, fobie (tra cui l’agorafobia e fobia sociale), lo stress, bulimia, disturbo ossessivo compulsivo, disturbo post traumatico da stress, disturbo bipolare e psicosi. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può anche aiutare se si hanno difficoltà a controllare la rabbia, una bassa opinione di se stessi o problemi di salute.

Se dopo un evento stressante, si va a casa depressi, probabilmente si rimugina su quello che è successo e ci si sente peggio. Se si entra in contatto con un’altra persona, ci sono buone probabilità di sentirsi meglio con se stessi, Se non lo si fa, non si ha la possibilità di correggere eventuali incomprensioni e probabilmente ci si sente peggio. E ‘anche possibile creare nuove situazioni che ti fanno sentire peggio, è possibile iniziare a pensare in modo abbastanza irrealistico (e sgradevole) su se stessi. Questo accade perché, quando siamo in difficoltà, siamo più propensi a saltare alle conclusioni peggiori. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può aiutare a spezzare questo circolo vizioso di pensieri distorti, sentimenti. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione è molto efficace per risolvere problemi quali ansia, depressione, attacchi di anico ecc…Quando si parla di depressione grave, è necessario combinare psicoterapia e farmaci antidepressivi. E’ necessario sapere che la psicoterapia non è una soluzione immediata al problema, ma opera passo dopo passo, aiuta ad eliminare quei pensieri negativi che hanno provocato il disturbo. Per superare il problema, sia esso ansia, depressione, è necessario affrontarlo e capire qual’è la causa scatenante. Bisogna comunque tener presente che il problema potrebbe ricomparire dopo un pò di tempo, sarebbe quindi utile, stabilire con il terapeuta una terapia in caso di recidiva.

Quale impatto potrebbe avere la Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione sulla mia vita?
La depressione come l’ansia sono disturbi spiacevoli, essi possono compromettere seriamente la capacità di lavorare e godersi la vita. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può aiutare a controllare i sintomi. Si può chiedere aiuto al medico di famiglia, questi può consigliarvi un buon terapeuta sia esso psicologo o psichiatra.

La terapia cognitiva per la depressione

La terapia cognitiva è un trattamento che consente ai pazienti di correggere le false auto-convinzioni che possono portare a stati d’animo e comportamenti negativi. Il presupposto fondamentale è che un pensiero precede uno stato d’animo, quindi, imparando a sostituire pensieri negativi con pensieri sani, migliorerà l’umore di una persona, il concetto che ha di sé, il comportamento e lo stato fisico. Molti studi hanno dimostrato che la terapia cognitiva è un trattamento efficace per la depressione ed è paragonabile in efficacia agli antidepressivi e alla terapia interpersonale o psicodinamica. La combinazione di terapia cognitiva e antidepressivi ha dimostrato di gestire efficacemente la depressione grave o cronica. La terapia cognitiva si è dimostrata utile anche nel trattamento di pazienti che hanno solo una risposta parziale ad un’adeguata terapia antidepressiva. Buone prove hanno dimostrato che la terapia cognitiva riduce i tassi di recidiva in pazienti con depressione, e alcune prove hanno dimostrato che la terapia cognitiva è efficace sugli adolescenti con depressione.

Anche se circa i due terzi dei pazienti con depressione trovano buoni risultati utilizzando solo i farmaci, altri pazienti non ne ricavano nessun beneficio, hanno sintomi residui, o hanno una ricaduta. Molti pazienti possono preferire una terapia non farmacologica oppure la terapia cognitiva che affronta molti di questi problemi.
La terapia cognitiva si è sviluppata come allontanamento dai tradizionali approcci terapeutici per le malattie mentali. Mentre lavorava con i pazienti, Aaron Beck, un pioniere nella terapia cognitiva, ha osservato che stati d’animo e comportamenti negativi, sono solitamente il risultato di pensieri e credenze distorti, e non forze inconsce come proposto dalla teoria freudiana.

Psicoterapia Cognitiva della depressione

La terapia cognitiva è un processo di trattamento che aiuta i pazienti a correggere le false auto-convinzioni che portano a certi stati d’animo e comportamenti. Il principio fondamentale alla base della terapia cognitiva è che un pensiero precede uno stato d’animo, e che entrambi sono correlati con l’ambiente, alla reazione fisica, e alle successive credenze e sentimenti. Di conseguenza, cambiare un pensiero che nasce in una data situazione cambierà l’umore, il comportamento, e anche la reazione fisica. E’ chiaro che chi trae maggior vantaggio sono i pazienti motivati che hanno la capacità di introspezione ben sviluppata.
Durante la terapia cognitiva, il terapeuta aiuta il paziente a lavorare attraverso diversi passaggi. In primo luogo, il paziente accetta che alcune delle sue percezioni e interpretazioni della realtà possano essere false (a causa di esperienze passate o per motivi ereditari o biologici) e che queste interpretazioni portano a pensieri negativi. Successivamente, il paziente impara a riconoscere la negatività ( pensieri superficiali o “automatico”) e scopre pensieri alternativi che riflettono la realtà così com’è. Il paziente decide liberamente attraverso le prove fornite dal terapeuta, se sostenere il pensiero negativo o il pensiero alternativo. Idealmente, il paziente riconoscerà il pensiero distorto e dovrà “ristrutturare” la situazione. Man mano che la terapia cognitiva progredisce, si concentra sempre più sulla ricontestualizzazione delle convinzioni su se stessi e sul mondo profondamente radicate.
Nella terapia cognitivo-comportamentale (CBT) per la depressione, i principi comportamentali vengono utilizzati per superare l’inerzia di un paziente all’inizio della terapia e per rafforzare le attività positive. Una parte importante di CBT per la depressione è la pianificazione di attività piacevoli, soprattutto con gli altri, che di solito danno il rinforzo positivo. Altre tecniche di CBT comprendono l’assegnazione di compiti graduati e compiti a casa e mettersi alla prova in situazioni comportamentali difficili. La CBT prevede la pianificazione di attività di condizionamento comportamentale così come fa classica terapia cognitiva.
La terapia cognitiva deve essere considerata per il trattamento di pazienti con lieve o moderata depressione unipolare.
La combinazione di terapia cognitiva e antidepressivi è raccomandato nei pazienti con depressione grave o cronica
La terapia cognitiva è raccomandato nei pazienti che non rispondono adeguatamente ai farmaci.
La terapia cognitivo-comportamentale dovrebbe essere considerata per il trattamento di adolescenti con depressione da lieve a moderata.

Efficacia della Terapia Cognitiva della depressione

Numerosi studi e meta-analisi hanno dimostrano in maniera convincente che la terapia cognitiva o CBT tratta efficacemente pazienti con depressione maggiore unipolare. Diversi studi hanno dimostrato che la terapia cognitiva è superiore a qualsiasi altro trattamento o al placebo. Due meta-analisi complete hanno mostrato che la terapia cognitiva è efficace quanto la terapia interpersonale o quella psicodinamica nella gestione della depressione. Hanno anche dimostrato che la terapia cognitiva è efficace quanto e forse più della terapia farmacologica nella gestione della depressione unipolare da lieve a moderata.
L’Istituto Nazionale di Salute Mentale, ha confrontato l’efficacia di due forme di psicoterapia (per esempio, la terapia interpersonale e CBT) con imipramina (Tofranil) o placebo nel trattamento di 250 pazienti con disturbo di depressione maggiore .Sono state osservate differenze significative tra le terapie, ma tra le due psicoterapie era leggermente meno efficace l’imipramina, anche se più efficace del placebo. Una meta-analisi di quattro studi, che ha incluso 169 pazienti con depressione maggiore, ha mostrato risultati simili per l’uso di antidepressivi triciclici e CBT. L’evidenza suggerisce che la terapia cognitiva è una valida alternativa agli antidepressivi per i pazienti con depressione lieve e moderata ed, eventualmente, per i pazienti con depressione più grave.

TERAPIE COMBINATE DELLA DEPRESSIONE

I Primi studi sull’efficacia della terapia combinata: cognitiva e antidepressivi, hanno avuto risultati contrastanti. Più tardi l’evidenza suggerisce che questa combinazione può essere più efficace di ciascun trattamento da solo per alcuni pazienti. Una meta-analisi che comprendeva sei studi e 595 pazienti ha mostrato che i pazienti con grave depressione, hanno beneficiato della combinazione di psicoterapia e farmacoterapia. Tuttavia, solo due studi sulla Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione, hanno dimostrato che i pazienti con depressione meno grave, hanno beneficiato poco da questa combinazione. Uno studio più recente ha dimostrato, che pazienti affetti da depressione maggiore hanno beneficiato significativamente più dalla combinazione tra Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione e terapia antidepressiva che da ciascun trattamento somministrato singolarmente.

GESTIONE DELLA RICADUTA DELLA DEPRESSIONE

Oltre a gestire efficacemente episodi acuti di depressione maggiore unipolare, la terapia cognitiva può anche prevenire le ricadute. Un studio ha mostrato che la terapia cognitiva ha ridotto significativamente il rischio di recidiva rispetto alla sospensione della terapia. La terapia cognitiva è risultata simile alla terapia di mantenimento per la prevenzione di ricadute.

GESTIONE DEI SINTOMI RESIDUI DELLA DEPRESSIONE

Diversi studi hanno valutato l’efficacia della terapia cognitiva nei pazienti che hanno sintomi depressivi residui dopo un’adeguata terapia antidepressiva, un gruppo con alti tassi di recidiva e di sintomi persistenti. Due studi su 40 pazienti con depressione maggiore unipolare e sintomi residui ha dimostrato che dopo la terapia antidepressiva, i pazienti trattati con CBT inizialmente avevano un minor numero di sintomi residui e di episodi depressivi, ancor meno dopo sei anni, rispetto a quelli trattati con la terapia clinica.
Tutti i pazienti che hanno continuato con la terapia farmacologica, che è una pratica comune, hanno un maggiore tasso di ricaduta rispetto ai pazienti trattati con la terapia cognitiva.

TERAPIA COGNITIVA DELLA DEPRESSIONE

Sebbene la maggior parte degli studi hanno valutato la depressione nelle popolazioni adulte, in pochi hanno valutato l’effetto della CBT negli adolescenti. Una meta-analisi di sei studi con 191 pazienti ha mostrato che la CBT è risultata significativamente più efficace del placebo inattivo o di interventi nella gestione del disturbo depressivo adolescenziale.

Diagnosi
I medici di famiglia di solito sono i primi a diagnosticare e trattare i pazienti con depressione. Essi devono informare i pazienti che la psicoterapia e la farmacoterapia sono opzioni valide, e che la terapia cognitiva, e quindi Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione, è la psicoterapia più studiata. Se il paziente e il medico inizialmente scelgono di utilizzare la farmacoterapia, e il paziente non risponde in modo adeguato, il medico deve ancora suggerire di intraprendere la psicoterapia o Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione dovrebbe essere fortemente considerata come terapia iniziale per i pazienti con depressione grave o cronica o per gli adolescenti. La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è un trattamento efficace per la depressione. Al centro della Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione c’è il presupposto che l’umore di una persona è direttamente collegato ai modelli di pensiero. Il pensiero è negativo, il pensiero disfunzionale influenza l’umore di una persona, il senso di sé, il comportamento e lo stato fisico. L’obiettivo della terapia cognitivo-comportamentale è quello di aiutare una persona ad imparare a riconoscere i modelli negativi di pensiero, a valutare la loro validità, e sostituirli con nuovi stili di pensiero.
Allo stesso tempo, i terapisti che praticano Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione hanno lo scopo di aiutare i loro pazienti a modificare i modelli di comportamento che scaturiscono dal pensiero disfunzionale. Pensieri e comportamenti negativi predispongono un individuo alla depressione e rendono quasi impossibile sfuggire alla sua spirale discendente. Quando i modelli di pensiero e di comportamento cambiano, cambia anche lo stato d’animo, secondo la Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione.
Il metodo della terapia cognitivo-comportamentale è diverso da quello delle terapie più tradizionali:
• La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione si basa su due compiti specifici: ristrutturazione cognitiva, in cui il terapeuta e il paziente lavorano insieme per cambiare gli schemi di pensiero, e l’attivazione del comportamento – in cui i pazienti imparano a superare gli ostacoli con la partecipazione ad attività divertenti. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione si concentra sul presente immediato: cosa e come una persona pensa più che perché una persona pensa in quel modo.
• La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione si concentra su problemi specifici. Nelle sessioni individuali o di gruppo, vengono identificati i comportamenti errati.
• Nella Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione l’obiettivo è orientato. I pazienti lavorando con i loro terapeuti sono invitati a definire gli obiettivi per ogni sessione e gli obiettivi a lungo termine. Raggiungere gli obiettivi a lungo termine potrebbe richiedere diverse settimane o anche un paio di mesi. Alcuni obiettivi possono anche essere mirati per il completamento dopo che le sessioni sono giunte al termine.
• L’approccio della Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione è educativo. Il terapeuta utilizza esperienze strutturate di apprendimento che insegnano ai pazienti a monitorare e annotare i propri pensieri negativi e immagini mentali. L’obiettivo è quello di capire come tali idee influenzano l’ umore, il comportamento e la condizione fisica.

• Nella Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione i pazienti sono tenuti ad avere un ruolo attivo nel loro apprendimento, nella sessione e tra le sessioni. Vengono assegnati i compiti a casa, ad ogni sessione e i compiti assegnati vengono controllati all’inizio della successiva sessione.
• La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione utilizza strategie multiple, tra cui quella socratica, giochi di ruolo, immagini, scoperte guidate, e gli esperimenti comportamentali.
• La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione è limitata nel tempo, normalmente, il trattamento con CBT dura da 14 a 16 settimane.

Chi può beneficiare della Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione?

Chiunque con depressione lieve o moderata può potenzialmente beneficiare della terapia cognitivo-comportamentale, anche senza l’assunzione di farmaci. Numerosi studi hanno dimostrato che la CBT può essere meno efficace degli antidepressivi nel trattamento della depressione lieve e moderata. Gli studi mostrano anche che, una combinazione di antidepressivi e Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può essere efficace nel trattamento della depressione maggiore.
La CBT può essere un trattamento efficace per la depressione lieve e moderata negli adolescenti. E ‘stato anche dimostrato che è efficace nel ridurre le recidive nei pazienti che soffrono di frequenti ricadute.
Quasi due pazienti su tre che sono trattati con successo, hanno assunto solo farmaci . Altri pazienti, invece, hanno sintomi persistenti anche quando i farmaci funzionano parzialmente. La Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione può essere efficacemente usata per trattare molti di questi pazienti.
Anche se una vasta gamma di persone rispondono bene alla terapia cognitivo-comportamentale, gli esperti sottolineano che il tipo di persona che ha più probabilità di ottenere il massimo beneficio è una persona che:
• è motivata
• ha la capacità di introspezione

Che cos’è ristrutturazione cognitiva?
La ristrutturazione cognitiva nel processo di Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione identifica e cambia i pensieri negativi che contribuiscono allo sviluppo della depressione. Questo viene fatto in collaborazione tra paziente e terapeuta, spesso sotto forma di un dialogo. Per esempio, uno studente di potrebbe non essere riuscito a superare un quiz di matematica e ha risposto dicendo: “Questo dimostra solo che sono stupido.”
Il terapeuta potrebbe chiedere se questo è veramente ciò che prova, al fine di aiutare lo studente a riconoscere l’inesattezza della risposta. La risposta: “Sono stupido” è un esempio di un pensiero automatico. I pazienti con depressione possono avere pensieri automatici in risposta a determinate situazioni. Queste sono spesso sostenute da un presupposto negativo o disfunzionale che guida il modo in cui i pazienti stessi percepiscono la situazione, o il mondo che li circonda.
Altri esempi di pensiero automatico sono:
• Pensare sempre che sta per accadere il peggio. Per esempio, una persona può convincersi che sta per perdere il suo lavoro perché il capo non parla con lui, o ha sentito una voce infondata che il suo reparto stava per diminuire gli impiegati.
• Addossarsi sempre la colpa anche quando non c’è coinvolgimento in qualcosa di brutto che è accaduto.

• Esagerare gli aspetti negativi di qualcosa. L’idea della Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione è quella di imparare a riconoscere i pensieri negativi e trovare un modo sano per intendere la situazione. L’obiettivo finale è quello di scoprire i presupposti da cui quei pensieri sorgono e valutarli. Una volta che l’inesattezza dell’assunto diventa evidente, il paziente può sostituire quella prospettiva con una più accurata.
Durante le sessioni, al paziente può essere chiesto di monitorare e annotare i pensieri negativi in un giornale e di valutare la situazione che li ha fatti riaffiorare. Il vero obiettivo è che il paziente impari a fare questo per conto suo.

Cos’è l’attivazione del comportamento?

L’attivazione comportamentale è un altro obiettivo della Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione che si propone di aiutare i pazienti a impegnarsi più spesso in attività piacevoli e sviluppare o rafforzare la capacità di risolvere i problemi.
L’inerzia è un grave problema per le persone con depressione. Uno dei sintomi principali della depressione è la perdita di interesse nelle cose che erano una volta divertenti. Una persona con depressione smette di fare le cose perché lui o lei pensa che non ne valga la pena. Ma questo aumenta solo la depressione.
In CBT, il terapeuta aiuta il paziente a programmare esperienze piacevoli, spesso con altre persone che possono rafforzare il godimento. I pazienti sono incoraggiati ad annotare le esperienze, notando come lui o lei si sentiva. Pian piano il paziente si allontanerà dall’inerzia che lo aveva intrappolato.

Esiste una procedura standard per le sedute di terapia?

I professionisti della salute mentale che praticano Psicoterapia cognitivo-comportamentale della depressione seguono un metodo standard anche se le sessioni possono variare, in genere seguono questo schema:
• La sessione inizia con un controllo sulla stato d’animo del paziente e dei sintomi.
• Insieme, il paziente e il terapeuta stilano un ordine del giorno.
• Il terapeuta e il paziente rivedono i compiti a casa e discutono sui problemi e sui successi.
• Successivamente si rivolgono ai temi all’ordine del giorno, che possono o non possono essere tutti affrontati.
•Vengono assegnati nuovi compiti a casa.
• La sessione si conclude con il terapeuta che riassume la sessione.

Una tipica sessione dura da 50 minuti a un’ora.

Cosa significa dire che la Terapia Cognitivo Comportamentale è limitata nel tempo?

Alcuni tipi di terapia sono a tempo indeterminato in quanto non vi è alcuna data di fine chiara. Con la Psicoterapia cognitivo-comportamentale, l’obiettivo è di terminare la terapia ad un certo punto, di solito dopo 14 -16 settimane.
Ci vogliono circa otto settimane per il paziente per avere le abilità che vengono insegnate in terapia e per capire ragionevolmente il modello. Mentre questo accade, il paziente avverte di solito una significativa riduzione dei sintomi. Tra le otto e le 12 settimane i pazienti sperimentano spesso una remissione dei sintomi. Durante il tempo rimanente, continuano a praticare le abilità apprese e gestiscono le problematiche legate alla fine delle sessioni.
I casi più gravi di depressione possono richiedere più tempo, ma per la maggior parte dei pazienti, sono sufficienti dalle 14 alle 16 settimane per rafforzare le nuove competenze.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme