Depressione e suicidio

DEPRESSIONE E SUICIDIO

Il paziente ha avuto ripetuti pensieri di morte (non la paura di morire), il suicidio (con o senza piano), o ha fatto un tentativo di suicidio.

La frequenza e l’intensità dei pensieri di suicidio può variare, dal credere che amici e familiari sarebbero stati meglio se fosse morta, a pensieri frequenti di suicidio (in genere legati al desiderio di fermare il dolore emotivo), di piani dettagliati su come il suicidio sarebbe stato effettuato.

I pensieri di suicidio si verifica più frequentemente del normale.

Precisazioni diagnostiche

Nel diagnosticare i sintomi un terapeuta esperto deve prendere in considerazione quanto segue:

Questi sintomi devono causare disagio clinicamente importante, o mettere in pericolo il lavoro, il funzionamento sociale o personale, e non dovrebbero soddisfare i criteri per l’Episodio Misto.

I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per esempio, l’abuso di droga o farmaco) o a una condizione medica generale (per esempio, ipotiroidismo).

Tranne nel caso di sintomi gravi (funzionamento gravemente compromessa, con grave preoccupazione, idee di suicidio, deliri o allucinazioni o ritardo psicomotorio), l’episodio non dovrebbe avere inizio entro due mesi dalla perdita di una persona cara.

La depressione è un importante fattore di rischio per il suicidio. La profonda disperazione e la disperazione che va di pari passo con la depressione può far sentire il suicidio come l’unica via per sfuggire al dolore. Pensieri di morte o di suicidio sono un sintomo grave di depressione, non è solo un segnale di avvertimento che la persona sta pensando al suicidio: è un grido di aiuto.

I segnali di pericolo di suicidio sono:

* Pensare di uccidere o danneggiare sé stessi.

* Forti sentimenti di disperazione o sentirsi intrappolati in un vortice maledetto.

* Una preoccupazione inusuale per la morte.

* Agire senza ritegno, come avere un desiderio di morte.

* Dire cose tipo “tutti starebbero meglio senza di me” oppure “voglio morire”.

* Il passaggio repentino dall’ essere estremamente depresso ad agire in modo calmo e felice.

Se pensate che un amico o un familiare stia prendendo in considerazione il suicidio, bisogna esprimere la vostra preoccupazione e cercare un aiuto professionale immediatamente. Parlare apertamente di pensieri suicidari e sentimenti possono salvare una vita umana.

Come aiutare una persona che pensa al suicidio.

Quando ti senti molto depresso o pensi al suicidio, significa che i problemi non sembrano temporanei, ma anzi sembrano schiaccianti e permanenti; ma con il tempo, vi sentirete meglio, soprattutto se si chiede aiuto, basta ricordare che ci sono molte persone che vogliono dare sostegno in questo momento difficile.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - Iscritto al 1632 dell'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia. * Le informazioni fornite su questo portale sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio diretto di uno Specialista. PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme