Guarire dal disturbo bipolare

COME GUARIRE DAL DISTURBO BIPOLARE

Prognosi

Per molti individui con disturbo bipolare uno dei primi risultati si ha a seguito di una buona prognosi, di un buon trattamento, che a sua volta, deriva da una diagnosi accurata. Poiché il disturbo bipolare può essere scambiato con altri problemi, è spesso difficile per gli individui con la patologia, ricevere cure tempestive e competenti.

Il disturbo bipolare può essere una condizione medica gravemente invalidante. Tuttavia, molti individui con disturbo bipolare possono vivere una vita piena e soddisfacente; molto spesso, però è necessario l’uso dei farmaci. Le persone con disturbo bipolare possono avere periodi di normale o quasi normale funzionamento tra un episodio e l’altro.

La prognosi dipende da molti fattori, come le medicine e il dosaggio giusto, la conoscenza approfondita della malattia e dei suoi effetti; è necessario un rapporto positivo con un medico competente, medico e terapeuta, e una buona salute fisica, che comprende l’esercizio fisico, l’alimentazione, e un livello di stress regolamentato. Ci sono altri fattori che portano ad una buona prognosi, come l’essere molto consapevoli dei piccoli cambiamenti in una persona, l’umore, il sonno e comportamenti alimentari.

Funzionamento

Un recente studio prospettico sul disturbo bipolare di tipo I e II ha rilevato che il funzionamento varia nel tempo. Durante i periodi di mania o depressione maggiore (in BPI), il normale funzionamento non era compromesso, cosa che invece avveniva con la depressione più persistente associata a mania. Il funzionamento tra gli episodi è più o meno normale. Un altro studio ha confermato la gravità del disturbo come “standardizzato per tutte le cause, con un aumento del tasso di mortalità tra i pazienti con BD di circa due volte”. Il disturbo bipolare è attualmente considerato “come forse la categoria più costosa dei disturbi mentali negli Stati Uniti”. Episodi di anormalità sono associati a dolore e distruzione, e un elevato rischio di suicidio, soprattutto durante gli episodi depressivi.

Il recupero e la recidiva

Uno studio naturalistico di primo ricovero per episodio maniacale o misto (che rappresenta i ricoverati e quindi i casi più gravi) ha rilevato che il 50% dei pazienti ha raggiunto il recupero della sindrome entro sei settimane e il 98% entro due anni; il 72% ha raggiunto un recupero sintomatico (nessun sintomo) e il 43% ha raggiunto il recupero funzionale (riconquista dello stato precedente, professionale e residenziale). Tuttavia, il 40% ha continuato a sperimentare un nuovo episodio di mania o depressione entro 2 anni dalla ripresa della sindrome, e il 19% ha cambiato le fasi senza recupero.

I sintomi che precedono una ricaduta (prodromica), specialmente quelli legati alla mania, possono essere identificati da persone con BD. Si è cercato di insegnare al paziente strategie di coping quando nota il sopraggiungere dei sintomi, con risultati incoraggianti.

Mortalità

Il disturbo bipolare può causare ideazione suicidaria che porta a tentativi di suicidio. Una persona su 3, con disturbo bipolare, ha pensato e tentato il suicidio, e il tasso annuale di suicidi in media è di 0,4%, che è da 10 a 20 volte di più di quella della popolazione generale. Il rapporto standardizzato di mortalità da suicidio in BD è tra i 18 ei 25 anni.

Epidemiologia

La prevalenza una tantum del disturbo bipolare di tipo I, che comprende almeno un episodio maniacale , è stato generalmente stimato al 2%. Si tratta in modo prevalente di uomini e donne e si ritrova in tutte le culture e gruppi etnici.

Una ri-analisi dei dati dell’indagine epidemiologica nazionale negli Stati Uniti, tuttavia, ha suggerito che lo 0,8 per cento ha sviluppato un episodio maniacale almeno una volta (la soglia diagnostica per il disturbo bipolare di tipo I) e 0,5 un episodio ipomaniacale (la soglia diagnostica per il disturbo bipolare di tipo II o ciclotimia). Studi di prevalenza del disturbo bipolare sono tipicamente svolti da intervistatori laici che seguono schemi di un’intervista completamente strutturata; risposte a singole voci, da tali interviste possono soffrire una validità limitata.

La tarda adolescenza e la prima età adulta, sono anni di picco per l’insorgenza del disturbo bipolare. Uno studio ha anche riscontrato che nel 10% dei casi, il disturbo bi-polare, ha inizio con la mania in pazienti che avevano compiuto 50 anni.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - Iscritto al 1632 dell'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia. * Le informazioni fornite su questo portale sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio diretto di uno Specialista. PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme