Sintomi e diagnosi del distubo di depressione bipolare

SINTOMI E DIAGNOSI DEL DISTURBO BIPOLARE

La diagnosi si basa sulle esperienze di un individuo come pure anomalie nel comportamento segnalate da familiari, amici o colleghi di lavoro, seguita da segni secondari osservati da uno psichiatra, un infermiere, assistente sociale, psicologo clinico o clinico attraverso una valutazione clinica. Ci sono liste di criteri, queste dipendono sia dalla presenza che dalla durata di alcuni segni e sintomi. La valutazione viene fatta solitamente a livello ambulatoriale, il ricovero in struttura ospedaliera viene considerato se vi è un rischio per se stessi o altri. I criteri più utilizzati per la diagnosi di disturbo bipolare sono da Manuale Diagnostico e Statistico della American Psychiatric Association per dei disturbi mentali, la versione attuale è DSM-IV-TR, e la classificazione internazionale di statistica dell’Organizzazione mondiale della sanità delle malattie e dei problemi correlati alla salute, attualmente il ICD-10. I criteri di queste ultime sono tipicamente utilizzati in Europa e in altre regioni, mentre i criteri del DSM sono utilizzati negli Stati Uniti e in altre regioni, così come prevalente negli studi di ricerca.

Una prima valutazione può includere un esame fisico effettuato da un medico. Anche se non esistono prove biologiche che confermano il disturbo bipolare, i test possono essere effettuati per escludere patologie mediche come ipo o ipertiroidismo, disturbi metabolici, infezione sistemica o malattia cronica, e la sifilide o l’infezione da HIV. Un EEG può essere utilizzato per escludere l’epilessia, e una TAC della testa per escludere lesioni cerebrali. Le indagini non sono generalmente ripetute per recidiva a meno che non vi sia una specifica indicazione medica.

Vengono usate scale di valutazione diverse per lo screening e la valutazione di BD esistenti, come la scala per la diagnosi dello spettro bipolare. L’uso di scale di valutazione non può sostituire un colloquio clinico completo, ma servono a sistematizzare il ricordo dei sintomi. D’altra parte gli strumenti per lo screening di BD hanno una sensibilità bassa e limitata validità diagnostica.

Criteri e sottotipi

Nel DSM-IV-TR e ICD-10, il disturbo bipolare è concettualizzato come uno spettro di disturbi che si verificano su un continuum. Il DSM-IV-TR elenca tre sottotipi specifici.

Disturbo bipolare I

Si verificano uno o più episodi maniacali. Un episodio depressivo o ipomaniacale non è richiesto per la diagnosi, ma si verifica di frequente.

Disturbo bipolare di tipo II

Assenza di episodi maniacali, ma uno o più episodi ipomaniacali e uno o più episodi depressivi maggiori. Tuttavia, una diagnosi bipolare II non è una garanzia che non si finirà per soffrire di un episodio del genere in futuro. Gli episodi maniacali non causano di solito una grave compromissione della funzionalità sociale o occupazionale, e sono senza psicosi, e questo può rendere il disturbo bipolare di tipo II più difficile da diagnosticare, dal momento che gli episodi ipomaniacali possono semplicemente apparire come un periodo di successo o di elevata produttività.

Ciclotimia

Una storia di episodi ipomaniacali a periodi di depressione che non soddisfano i criteri per gli episodi depressivi maggiori. C’è un basso grado di ciclismo d’animo che appare all’osservatore come un tratto della personalità, e interferisce con il funzionamento del corpo.

Disturbo bipolare NAS (Non Altrimenti Specificato)

Questa è una categoria onnicomprensiva, diagnosticata quando il disturbo non rientra nell’ambito di uno specifico sottotipo NAS bipolare, ma può ancora pregiudicare significativamente e negativamente la qualità della vita del paziente.

Antipsicotici atipici sembrano efficaci nella gestione della mania associata al disturbo bipolare. Gli antidepressivi sembrano non apportare alcun beneficio se non quello di riuscire a stabilizzare l’umore. Gli acidi grassi Omega 3, in aggiunta al normale trattamento farmacologico, possono avere effetti benefici sui sintomi depressivi, anche se gli studi in materia sono scarsi e di qualità variabile.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - Iscritto al 1632 dell'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia. Le informazioni fornite su questo portale sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio diretto di uno Specialista. * Ultima revisione degli articoli e dei contenuti: 4 ottobre 2018 * PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2018 Frontier Theme
WhatsApp chat